mercoledì 2 dicembre 2020
20.12.2011 - Alessandro Giacobbe

Imperia, un Capodanno coraggioso in piazza Dante

Coraggiosa iniziativa del Comune imperiese anche in controtedenza rispetto a molti altri centri liguri occidentali e bassopiemontesi. Del resto, non si può e non si deve solo tagliare: lotta agli sprechi e rilancio

Mentre qualche calcinaccio cade dalle decorazioni dello storico palazzo comunale, opera del Ventennio del famoso architetto Armando Titta, l'Amministrazione di Imperia convoca un'esauriente conferenza stampa e presenta il “suo” Capodanno. In un paese in crisi, con luminarie ridotte al minimo e la solidarietà di ben 10.000 euro giustamente inviati da Imperia ai Comuni alluvionati del Levante regionale, si riesce comunque a pensare ad un promettente inizio d'anno. Coraggiosa iniziativa dunque, anche in controtedenza rispetto a molti altri centri liguri occidentali e bassopiemontesi. Del resto, non si può e non si deve solo tagliare: lotta agli sprechi e rilancio. L'Amministrazione ha lavorato all'organizzazione dell'evento mettendo in campo l'Ufficio Manifestazioni, che fa capo all'assessore Luca Volpe e l'associazione senza scopo di lucro “Sonorica”, nota peraltro nella zona per l'organizzazione del festival estivo musicale di Cianzerbo presso Pantasina, in comune di Vasia. Il progetto è stato oggetto già di qualche polemica in fase di gestazione, ma la presenza del sindaco Strescino in persona alla conferenza stampa ha dato particolare forza all'assunto. Anzi, il primo cittadino ha difeso l'iniziativa con puntualità ed ha allargato la visione dell'operato comunale in questi ultimi tempi, volto al recupero dell'ordine cittadino in molti campi. In cosa consisterà però questo Capodanno in piazza ? Ci sarà, hanno puntualizzato i responsabili di Sonorica, un “festival” musicale. In primo luogo. Perché Sonorica è un'associazione senza scopo di lucro che intende portare alla ribalta la musica italiana emergente. Si avvale di molti professionisti, che lavorano gratuitamente in occasioni come queste e copre oculatamente le spese. Ci sarà un palco a ridosso di via Alfieri, che servirà come backstage. Dalle 17.00 circa Piazza Dante sarà chiusa. Si partirà alle 19.00-19.30 con un aperitivo in musica, dove la musica sarà curata dall'organizzazione e l'aperitivo lo si potrà gustare presso gli esercenti che decideranno di rimanere aperti e partecipare alla serata con la loro attività. La musica in Dj set sarà legata al nome di Ivan, storico intrattenitore del Pop di Diano San Pietro. Commerciale, coinvolgente. Seguiranno poi i concerti. Al momento è noto che si susseguiranno tre gruppi: Lou Tapage, Mamasita e Matrioska (foto 1 - 2 e 3).  Possibile anche un quarto gruppo, di cui si potrebbe parlare intorno alla data dell'8 dicembre, considerando trattative in corso.

Sono tutti complessi che fanno musica originale ed in lingua occitana od italiana. Diciamo occitana perché i Lou Tapage sono un gruppo folk che affonda le sue radici nella realtà occitana, spaziando poi nel contesto delle particolarità europee. I Mamasita nascono nel 2004 per proporre una mescolanza di tanti generi specialmente sudamericani fino al pop italiano, con importanti vocalist. I Matrioska sono legati alla musica ballabile ska in italiano, con un forte impatto live, data l'energia trasmessa, lavorando su brani originali in italiano.

Ci sarà una proposta gastronomica, sempre legata all'organizzazione Sonorica. Nella piazza verrà installata una tensostruttura per ospitare un certo numero di posti a sedere e verrà servito un menù a prezzo sociale con antipasto, due piatti di umido a scelta (il cotechino e lenticchie è assicurato), panettone e beveraggi. Il menù completo sarà inferiore ai 20 euro, ma si potrà scegliere anche un solo piatto. Tutto sarà cucinato in spazi professionali. La proposta non è in contrasto con quanto proposto dai ristoratori, ma vuole essere una iniziativa di carattere sociale, come ha sottolineato il sindaco, volta a portare in piazza soprattutto le famiglie, le quali magari hanno più difficoltà a spendere per un cenone completo in questo periodo difficile.  Non per altro, la promozione dell'evento verrà fatta non solo in Liguria,   ma anche sul basso Piemonte, da cui si spera possa giungere pubblico, attirato anche dal clima della Riviera.  I costi complessivi sono di 35.000 euro, dei quali solo 20.000 a carico del Comune di Imperia, che, come detto, appare esposto già su altri fronti. In questo modo l'affidamento dell'organizzazione è stato dato in modo diretto senza gara. La restante parte di spesa è stata supportata dai numerosi sponsor locali che sono ben presentati sul manifesto dell'iniziativa. Non verrà trascurato nessun dettaglio a cominciare del rispetto per l’ambiente.  Sarà disponibile Il servizio di raccolta differenziata e  verrà utilizzata posateria , piatti e bicchieri biodegradabili  Ovviamente l'impegno c'è. Ora non resta che vedere se tutto andrà bene, se si riempirà la piazza, se l'esperimento della ristorazione “sociale” andrà a buon fine e se soprattutto i gruppi saranno all'altezza delle tradizionali proposte di fine anno, quando generalmente si preferiscono le cover band con successi conosciuti. Una scommessa non facile. In ogni caso l'assessore Volpe, da noi intervistato, ha confermato che non ci sono frizioni con organizzatori professionali di eventi, quindi è tutto andato bene dal punto di vista organizzativo.

Il programma di fine d'anno imperiese però si chiude con una “chicca”. Infatti in quel periodo sarà ospite di Imperia l'A.C.Siena, squadra di calcio di serie A. Tale presenza è stata favorita dall'impegno della collega Beatrice Baratto e dal sostegno, ancora una volta, di industrie ed esercenti imperiesi. Sicura la visibilità cittadina a livello nazionale. Il Siena godrà dell'appoggio tecnico della Pro Imperia e si allestirà un triangolare con il Siena, la Pro Imperia ed una squadra ancora da individuare.  Buon San Silvestro a tutti (in anticipo).

 

Il Capodanno in Piazza è una tradizione in molte città italiane. Da qualche anno Imperia aveva rinunciato a questo opportunità, ma oggi l’idea rinasce per ricominciare un percorso di collaborazione e di crescita per affrontare uniti questo momento di crisi , cercando un' occasione di vita sociale  e commerciale con il coinvolgendo di tutti .

La finalità è quella di trasformare piazza Dante in una grande vetrina promozionale, di emozionare e stimolare ospiti e protagonisti con lo spettacolo di 4 band  che si esibiranno live e l’animazione di Dj set dalle 19 sino alle 3 di notte. I nomi di 3 band sono già stata svelati (nella scheda allegata) mentre la quarta,  di rilievo nazionale ed internazionale, verrà svelata entro l’8 dicembre. Non sarà il solito concerto, ma la formula alla quale l’associazione Sonora ha voluta puntare è quella del Festival, musica e intrattenimento a tutte le ore e per tutte le fasce di età.

L'Allestimento della piazza prevede la supervisione Di un noto studio di Imperia garantendo dunque
il rispetto di tutte le normative ed il confezionamento del " prodotto piazza "  di sicura qualità . L'organizzazione è fatta di professionisti nel settore che presteranno la loro opera come volontari con il coinvolgimento  delle più importanti aziende del territorio per dare anche un forte segnale di partecipazione.

L’area ristoro sarà formata da Tensostruttura coperta e chiusa su tre lati ( 20 metri x 8 metri )  con sistema di riscaldamento ad aria , completa di tavoli e panche e di una Tensostruttura Bar Cucina per la somministrazione di cibi e bevande . Il menù prevederà a grandi linee un piccolo antipasto , scelta tra due piatti in umido ( per esempio cotechino e lenticchie ) in alternativa rostelle e patatine, una  fetta di panettone. Non ci sarà  la somministrazione di primi piatti, pizze, focacce, panini, piatti freddi, ecc, ne’ di caffè e superalcolici per permettere di coinvolgere attivamente tutte le attività commerciali della piazza.
La somministrazione offerta da Sonorica sarà in grado,quindi, di coprire circa il 30 / 35%
del fabbisogno della serata ,diventando quindi fondamentale la partecipazione delle attività della piazza  per garantire in modo completo la copertura delle richieste . Ogni attività potrà quindi decidere di proporre piatti, prodotti , menù particolari, che verranno promossi e pubblicizzati dalla stessa organizzazione dell'evento .

Il Capodanno deve essere, soprattutto, un’occasione commerciale  per le attività della piazza.

Di fondamentale importanza per l’associazione è la promozione dell’evento, dandone risalto con una giusta e capillare comunicazione. Proprio per questo scopo sarà utilizzato quasi il 25% del budget.

 

Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo