martedì 22 agosto 2017
08.06.2012 - Alessandro Giacobbe

Turismo in Liguria, i dati e i commenti degli ultimi mesi

L'osservatorio turistico regionale registra: ottobre con il suo clima tiepido ha favorito le vendite nelle strutture ricettive: occupato in media il 39,7% delle camere disponibili negli esercizi alberghieri ed extralberghieri (+5,6% rispetto allo scorso anno).

Una visione contrastante per il turismo ligure autunnale. Le condizioni climatiche hanno determinato i flussi di presenze. E la crisi incombeva ed incombe. L'osservatorio turistico regionale osserva: ottobre con il suo clima tiepido ha favorito le vendite nelle strutture ricettive: occupato in media il 39,7% delle camere disponibili negli esercizi alberghieri ed extralberghieri (+5,6% rispetto allo scorso anno). Il cattivo tempo in chiusura di mese ha però penalizzato i risultati di novembre quando si è registrato in media il 22,8% di camere occupate sulle disponibilità del periodo (-1,7%) (non sono state considerate nell’analisi le strutture ricettive dei comuni spezzini).Nel dato provvisorio di dicembre (relativo alle vendite effettuate e alle prenotazioni registrate fino al 13 dicembre, data ultima della rilevazione), le strutture ricettive liguri contano una media del 19,1% di camere occupate, in leggera crescita rispetto allo stesso periodo del 2010 (+1%).

Ne consegue che la stagionalità appare evidente, con la preferenza dei turisti italiani, che possono raggiungere le mete in breve tempo. Però questi stessi, per motivi economici, preferiscono le proposte last minute. Una situazione non positiva per il Ponente ligure, così difficile da raggiungere per un isolamento  ferroviario evidente, la mancanza di aeroporti vicini funzionali e dotato di una viabilità insufficiente e costosa.

Nelle prenotazioni per l'inverno si conferma il dato di bassa stagione. Una buona scusa per molti albergatori: tenere chiuso e non avere il peso degli oneri propri dei datori di lavoro. Un caso italiano che dissangua e blocca le possibilità di impiego nonché di apertura di tante strutture verso quel periodo che potrebbe essere nuovamente rivitalizzato: quello del turismo invernale, favorito da una condizione climatica sicuramente invidiabile.

Nell'insieme c'è anche la prevedibile flessione delle accoglienze da parte di strutture extralberghiere.  Però è chiaro che realtà agrituristiche o disseminate sul territorio, soprattutto in un entroterra poco noto ai grandi tour operators, siano vincolate alle necessità dei gestori. I quali iniziano attività agricole come la raccolta delle olive proprio in autunno. La meta delle 30 settimane di presenza è ridotta alle 12 settimane della stagione calda. E sembra che ci sia sostanziale soddisfazione.

Nota a parte, alcune osservazioni su gusti, scelte e necessità dei turisti stranieri. In questo caso, al di là di luoghi comuni, ci sono alcuni assunti interessanti. Dalla ricerca tedesca di luoghi per le famiglie alla fidelizzazione di clienti francesi e inglesi,  questi ultimi pure attratti da un settore locale in crescita, la buona cucina tipica (quindi, cari signori ristoratori...attenzione alla dimensione originale dei piatti). La Svezia o in generale i paesi scandinavi appaiono sensibili sempre di più alle proposte liguri. La crisi da loro è meno avvertita. Va detto però che la ricerca di caratteri di libertà e di servizi eccellenti, soprattutto per la famiglia, sono d'obbligo. Ecco dunque la fonte legata ai viaggi sul posto, ad esempio, del sindaco di San Remo. Una motivazione concreta c'è. Interessante anche l'aggancio dei turisti dei Paesi Bassi, che si affidano molto alla rete per la scelta delle destinazioni. E qui può emergere anche il ritardo del Ponente ligure in merito alla informazione sul web, se si pensa ai tanti siti di Comuni spesso non aggiornati o deficitari rispetto alle informazioni turistiche o al visitrivieradeifiori.it (guarda caso il nome “riviera dei fiori” è stato acchiappato da altri) ancora in sola lingua italiana, anche se ricco di informazioni e proposte. C'è molto da fare, indubbiamente.

 

 


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo