mercoledì 19 settembre 2018
24.05.2012 - REDAZIONE

Vallecrosia: al via la gara di "pesto al mortaio"!

Iniziativa fortemente voluta Dall' Assessore al centro storico Graziano Balbis e dal Consigliere Comunale Cristian Quesada. Sarà una competizione in cui leccarsi i baffi...

Volendo risalire alla nascita di Vallecrosia, si deve far riferimento agli studi archeologici che hanno rivelato in prossimità della costa reperti risalenti all'epoca romana. Questo fatto sarebbe suffragato anche dalla vicinanza del grosso centro romano di Albintimilium (attuale Ventimiglia), che poté influenzare l'odierna area costiera di Vallecrosia

Si pensa, infatti, che il crescente sviluppo demografico ed economico della città romana di Albintimilium rese necessaria una soluzione, inusuale per quel tempo, di "sconfinamento"del piano regolatore dando vita ad insediamenti fuori dell'area urbana. Testimonianza sono alcuni grossi blocchi sagomati di pietra della Turbia, ritrovati in prossimità della piccola chiesa di S.Rocco e, all'interno dei essa è tuttora conservata l'ara votiva al dio Apollo, di origine alto medievale, che sorse nel sito del sacello pagano. Furono anche individuati segni tangibili dell'antica via romana. Un tratto di questa strada (Julia Augusta) venne riconosciuto da alcuni blocchi di pietra, attualmente non visibili, che segnavano con tutta probabilità il guado del torrente Verbone. Quasi sicuramente gli insediamenti costieri risentirono delle continue incursioni barbariche, cosa che aveva reso impossibile la vita in questa area, al punto che la gente si spinse verso il più sicuro e naturalmente fortificabile entroterra ( primo nucleo di Vallecrosia Alta ). Durante l'età medievale e quella moderna, Vallecrosia ebbe stretti legami di dipendenza con Ventimiglia, rimanendone legata, in qualità di villa, anche quando la cittadina ventimigliese fu sottomessa alla Repubblica di Genova (1251). Ma la pressione tirannica esercitata da Ventimiglia sulle sue ville, determinò discordi e tensioni tali da fomentare desideri di autonomia, poiché forti erano le vessazioni fiscali del capoluogo.


I paesi sottomessi si ribellarono e supplicarono i Genovesi di liberarli dai loro tiranni; gli otto villaggi che ottennero così l'indipendenza si costituirono in piccola repubblica che prese il nome di "Magnifica Comunità degli Otto Luoghi"e rimasero per lungo tempo sotto l'alto patronato di Genova, ben contenta di diminuire la giurisdizione comunale di Ventimiglia (1686). Una testimonianza degli "Otto Luoghi", esiste sulla collina Monte Nero, ad est di Bordighera, in forma di pietre di confine, che segnavano i limiti orientali del territorio della piccola comunità.


Gli Otto Luoghi durarono per poco più di cent'anni, sino al 1848, quando Vallecrosia, ormai parte de Regno di Sardegna, ottenne l'autonomia amministrativa. Significativo di questo periodo fu l'impoverimento demografico del centro originario ( Vallecrosia Alta ), determinato dal forte flusso migratorio di interi nuclei familiari verso la costa, dove erano reperibili nuove e diverse possibilità occupazionali. Questo fenomeno è da mettere in relazione anche con una fondamentale scoperta, che risultò determinante per tutta l'area dell'estremo ponente: la scoperta dei fiori.


La floricoltura si rivelò un settore attivo nell'economia di Vallecrosia, sino ad allora dedita soprattutto a monocolture ( olivo ) o a misere coltivazioni. I vantaggi si ebbero anche in ambito culturale, infatti nuovi valori si determinarono nella cultura linguistica: apertura verso il mondo esterno, ricerche botaniche, determinazione di un nuovo folklore con radici nelle antiche usanze al fine di proporre ad una sempre più ampia platea, i fiori e le località che li producevano.
Fu così che a Vallecrosia, come molti altri centri del ponente ligure, si dedicò questa impresa,adeguandosi, sempre in grande stile, alle esigenze del mercato. L'incremento di questo nuovo settore economico portò all'ampliamento della nuova città, sviluppatasi sull'asse della via principale ( V.Col. Aprosio - S.S. n. 1).

Ma è  domenica 27 maggio  che si terrà l' evento tanto atteso nella città di Vallecrosia.

Si concluderà  proprio a Vallecrosia la manifestazione i Viaggiatori del Gusto  che coinvolge tutto il ponente ligure in una tre giorni all' insegna della promozione del nostro territorio.

I viaggiatori del gusto arriveranno a Vallecrosia intorno alle 9. 30 con circa 60 auto storiche veri e propri gioiellini dal valore inestimabile sia dal punto di vista del valore che dal punto di vista affettivo.

E' Vallecrosia non poteva non aderire che ah da mostrare il suo stupendo cento storico che gode di interventi recentissimi a tutte le piazze del centro storico grazie alla regione Liguria e al Presidente Burlando che a Vallecrosia gode di grande stima da parte della cittadinanza e dell' amministrazione comunale, e che a Vallecrosia presenzio  nella recente inaugurazione dei lavori da poco terminati.

Entriamo nel merito dell' evento:

alle 10 di domenica mattina sarà il suono delle campane a dare il via a centinaia di concorrenti si sfideranno in una gara di pesto al mortaio senza precedenti e alla quale nessuno vuole perdere. Vallecrosia continua ad organizzare eventi sempre con l' intento di aumentare le presenze nella città e nel suo borgo.

Un' ottima iniziativa dice il Sindaco Armando Biasi: sono entusiasta dell' iniziativa di domenica, iniziative che stanno dando una grande mano all' economia della nostra stupenda città. La manifestazione godrà di una giuria di eccellenza, il Presidente della giuria non poteva non essere Roberto Lamberti propietario dello storico ristorante Giappun di Vallecrosia.

Il deus ex machina rimane sempre l'associazione borgo Antico, associazione che ormai da anni opera con grande senso del dovere nel centro storico.

 


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo