venerdì 26 maggio 2017
04.02.2013 - REDAZIONE

Ventimiglia: bloccato trafficante internazionale di droga

La Polizia di Frontiera di Ventimiglia mette a segno un altro importante arresto bloccando un trafficante internazionale di sostanze stupefacenti, con ogni probabilità, destinate ad essere spacciate oltre che nei mercati milanesi, anche in Liguria.

Ancora una volta, dunque, questa zona si conferma rotta dei narcotrafficanti, mentre la barriera autostradale di Ventimiglia e il cuore della notte, risultano far parte delle strategie maggiormente adottate per il trasporto di sostanze stupefacenti. E’ in quest’ottica che il personale della Frontiera  pone da tempo particolare attenzione al fenomeno ed al “modus operandi” dei trafficanti, studiando attentamente ogni singolo caso al fine di  acquisire dettagli che ogni volta risultano preziosi. 

L’ultimo arresto risale al fine settimana quando,  in piena notte, la Polizia di Frontiera, fermava un pullman proveniente dalla Spagna e diretto a Milano. Mentre gli Agenti erano intenti a controllare alcuni passeggeri, uno straniero, spostandosi con indifferenza da un sedile all’altro, tentava  di guadagnare la porta del bagno al fine di eludere i controlli medesimi. 

Tale manovra non sfuggiva certo  agli attenti Operatori di Polizia del Settore che immediatamente lo facevano uscire. Malgrado i documenti dello stesso risultassero in regola, l’atteggiamento dell’uomo destava sospetti per il tremore e l’improvviso balbettamento che  induceva ad ulteriori controlli da svolgersi presso gli uffici del Settore.

Lo straniero, Olomu Slim Daniel, nato  nel 1976, cittadino nigeriano risultava in possesso di regolare passaporto ordinario nigeriano e permesso di soggiorno spagnolo  rilasciato da quelle Autorità, ma più approfonditi accertamenti permettevano di scoprire che a suo carico vi era stata, anni orsono, una denuncia per spaccio di stupefacenti all’estero.

Considerata la situazione ed il permanere dello stato ansioso dell’ Olomu, il personale di Polizia chiedeva l’intervento di un medico il quale disponeva un controllo radiologico presso l’Ospedale di Bordighera dal quale emergeva,  nella regione addominale, la presenza di numerosi corpi estranei.

Condotto in ospedale e piantonato dalla Polizia, l’uomo espelleva, nell’arco di 24 ore,  8 ovuli avvolti in più strati di cellophane, contenenti sostanza stupefacente, del tipo “cocaina”, purissima,  per un totale di grammi 104.

Al termine  lo straniero, tratto in arresto per traffico di sostanze stupefacenti, veniva associato alle carceri di Bussana di Sanremo.


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo