mercoledì 25 novembre 2020
19.06.2012 - Alessandra Chiappori

Le “chiacchierate culturali” di Ineja 2012

Fino a giovedì ogni pomeriggio la biblioteca civica di Imperia ospiterà una serie di incontri-chiacchierate, ospiti nomi noti della cultura

Alcuni momenti degli incontri avvenuti negli scorsi giorni

Proseguono, non senza qualche polemica, le chiacchierate culturali organizzate presso la biblioteca civica Lagorio in occasione dei festeggiamenti di Ineja 2012 per san Giovanni. I pomeriggi, che si svolgono tutti dalle 18.30 presso la sala conferenze della biblioteca, in piazza de Amicis a Oneglia, dunque a pochi passi dal cuore pulsante della festa, sono stati inaugurati sabato 16 giugno. Ad aprire il sipario sulla rassegna, curata e organizzata dalla professoressa Camilla Berio, è stato Riccardo Mandelli, che ha presentato, introdotto dal professor Roberto Trovato docente di drammaturgia all’Università di Genova (e al DAMS di Imperia), il suo recente volume “Al casinò con Mussolini". Nutrita la partecipazione del pubblico, che ha visto anche la presenza di numerosi componenti dell’associazione culturale Apertamente Imperia.

Un pubblico decisamente ridotto ha accolto invece ieri, lunedì 18 giugno, il secondo appuntamento in calendario. Ad ascoltare il professor Paolo Ramella erano infatti poco più di dieci persone, fatto che ha destato un po’ di imbarazzo tra i presenti, non di certo però nel relatore. L’ex direttore del Parco delle Alpi Marittime ha infatti tranquillamente preferito “chiacchierare” con il pubblico a distanza ravvicinata, raccontando, in “Dove le alpi scendono al mare”, le tipicità del territorio alpino ligure, la sua etnografia e le sue figure mitologiche su una sedia sistemata davanti agli sparuti presenti.

Certo il clima, con un sole rovente e un mare azzurro e piatto, non ha favorito l’afflusso di pubblico e di semplici curiosi, che magari avranno preferito la spiaggia. Spiace però per l’impegno degli organizzatori constatare che, se la cucina di Ineja vince sempre, con folle che stipano i capannoni della Spianata, gli esperimenti culturali come le chiacchierate in biblioteca passano spesso in secondo piano. Se la gastronomia “attira”, al contrario della cultura, sarà forse propizio l’incontro di oggi, in programma sempre per le 18.30: “l’olio di oliva e le sue doti culinarie”, incontro-chiacchierata con Marino Giordani, vicepresidente dell’ONAOO, Organizzazione Nazionale Assaggiatori di Olio di Oliva.

Ma la rassegna culturale, che non si arrende alle difficoltà di pubblico, proseguirà anche nei giorni successivi. Il 20 giugno sarà la volta di Alfredo Pelle, esperto e storico della gastronomia internazionale (e quindi, ci si augura, di buon auspicio per l’afflusso di amanti del buon cibo, che a san Giovanni, com’è noto, sono molti) con “La cucina con tre T: tempo, terra, tradizione”. Giovedì 21 giugno sarà invece presentato il nuovo libro di Luciano Livio Calzamiglia “Alberi e boschi sacri nella vita dell’Uomo dal mito alla storia”.

A margine della rassegna è aperto anche il “concorso” (si tratta di un evento non competitivo) letterario “Raccontati”: chiunque potrà partecipare consegnando, agli incontri, una pagina in prosa che racconti uno spicchio di vita locale, un ricordo, un affresco del Ponente. Gli elaborati potranno essere consegnati anche in forma manoscritta, preferibilmente presso la biblioteca in occasione degli incontri, oppure presso la sede del Comitato san Giovanni. Gli scritti più meritevoli entreranno a far parte di una successiva pubblicazione curata dal Comitato.

 

Alcuni momenti degli incontri avvenuti negli scorsi giorni


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo