sabato 1 ottobre 2022
30.03.2012 - Alessandra Chiappori

Successo confermato per il viaggio di “Defrag”

Un pubblico affascinato e soddisfatto ha inaugurato la tappa di partenza del progetto culturale che percorrerà tutta la Liguria

Il Trio Malacorda

Il viaggio è cominciato nel migliore dei modi per il progetto “Defrag”, inaugurato ieri sera presso la sala Eutropia del Dams di Imperia. Un appuntamento che ha coinvolto un nutrito pubblico, affascinato dall’insolito mélange di cinema, arte figurativa, narrazione e musica. “Defrag” è un progetto che insegue un viaggio: ideato dalle due associazioni culturali Thesis e Lamaca Gioconda, l’evento compirà un vero e proprio percorso attraverso luoghi suggestivi di tutta la Liguria, raccontando viaggi, di volta in volta diversi e a loro modo affascinanti. A inaugurare la prima tappa imperiese è stato il misterioso e lontano Oriente: Cina, Giappone, Mongolia, terre distanti nella geografia fisica e culturale. “Hong Kong Express”, film del 1994 di Wong Kar Way, ha aperto la serata. Sul filo dell’arte giapponese ha proseguito Fabrizio Benente, cicerone del viaggio, intervistando Ligustro, quasi novantenne artista imperiese esperto di xilografia, l’incisione su legno, una disciplina figurativa che ha mutuato dall’arte giapponese e che, da ex chimico oleario, ha saputo arricchire di formule cromatiche inaspettate e vivacissime. Ligustro ha ben dimostrato come per viaggiare nell’estremo oriente non siano sempre necessarie ore di aereo, ma sia sufficiente la fantasia, che prendendo spunto da lontano torna a riflettere sul presente, sul territorio ligure.

Ed è così che, dopo la partecipatissima apericena, Fabrizio Benente ha introdotto al terzo momento della serata, il racconto del viaggio. Archeologo e docente presso l’Università di Genova, Benente è partito da una Genova violentata dal G8 del 2011 per atterrare con la sua recitazione affabulatoria nella remota steppa della Mongolia, terra di scavi archeologici e di civiltà sconosciute all’Occidente, narrando di viaggi reali e mentali, che lo hanno convinto a tornare alle proprie radici, nella Liguria di Levante.

La suggestione della serata è stata coronata dal concerto del Trio Malacorda. Walter Ferrandi al contrabbasso, Vincenzo Malacarne al violoncello e la voce di Lorena  De Nardi hanno dato spazio alla bossa nova, al jazz, passando per Astor Piazzolla e i Beatles, lasciando piacevolmente stupito il pubblico in sala. Il gruppo è nato dall’incontro di tre musicisti professionisti con alle spalle esperienze musicali diverse. Si tratta di una formazione atipica negli strumenti e negli arrangiamenti, che cerca di fondere le sonorità del contrabbasso, del violoncello e della voce, dandone una interpretazione originale e di atmosfera. I creativi arrangiamenti nascono da un’attenta e raffinata ricerca basata sulle qualità timbriche degli strumenti, è così che il repertorio include grandi successi internazionali e classici standard del panorama jazzistico in una continuità sonora che non smette di sorprendere.

“Defrag” non si fermerà all’Oriente e a Imperia, ma proseguirà il suo viaggio nelle diverse arti facendo tappa a Genova il 20 aprile, e toccando altre date nel corso della primavera e dell’estate. In particolare, in provincia di Imperia sono state programmati due eventi, quello che si svolgerà presso la chiesa anglicana di Bordighera dedicato ai viaggi al femminile, il 22 luglio, e quello a Cervo, dedicato al viaggio musicale, il 4 agosto.


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo