giovedì 16 agosto 2018
09.02.2012 - Alessandra Chiappori

Torna la musica del pianista dianese Diego Genta. Con una novità legata al web

Un esperimento innovativo per il nuovo cd del musicista, che sarà prodotto dai fan su Facebook

Il pianista e compositore dianese Diego Genta

Dopo il primo successo “Sentimental Journey”, il pianista dianese Diego Genta tornerà presto in studio di registrazione per dare vita a "Seasons of life", il suo secondo disco per piano solo. La particolarità di questo nuovo lavoro sta tutta nella produzione: il disco sarà infatti finanziato dai fan tramite Facebook, un esperimento che ricorda da vicino quello di “Dark Resurrection”, il fan film di fantascienza girato nel Ponente e che sta ottenendo uno straordinario successo sul web. Una nuova via per il mercato artistico? Abbiamo intervistato Diego Genta per saperne di più.

Un po' di biografia: come nasce il Diego Genta compositore?

Ho fatto studi classici e conseguito il diploma in pianoforte al Conservatorio G. Verdi di Torino nel 97 e non ho fatto studi particolari di composizione, ma riuscivo particolarmente bene nella materia di Armonia. Dopodichè ho insegnato educazione musicale nelle scuole elementari per parecchi anni e non pensavo minimamente di comporre (anche se in passato avevo scritto e tenuto per me degli abbozzi di melodie che poi ho utilizzato nel primo cd). Ad un certo punto qualcosa è cambiato in me e ho cominciato a scrivere delle melodie che mi suscitavano gioia ed energia positiva, altre volte serenità e quiete. Per me è stata una svolta molto importante di crescita non solo professionale ma anche personale.

Il primo cd di piano solo è “Sentimental journey”, del 2009, che si è rivelato un discreto successo. Come nasceva quel disco? Che tappa ha segnato nel tuo percorso?

Hai detto bene, è stato un discreto successo non solo nella mia città, Diano Marina, ma anche in Italia, tramite il web, il CD è stato particolarmente seguito e acquistato. Come ho detto prima, il disco è nato  dal mio istinto e ha segnato una tappa fondamentale di crescita e l'esordio come compositore. Ha fatto da colonna sonora ad un bellissimo documentario di promozione del Ponente a tema ecologico dedicato a Libereso Guglielmi, e poi mi ha portato per la prima volta a suonare da solista in diversi concerti di piano solo a Diano Marina, Diano d'Alba ma anche in Francia a Mentone e iniziare cosi un bellissimo rapporto con il pubblico. Poi anche ad accompagnare i giovani musicisti al Concorso Internazionale "Rovere d'oro". Un'esperienza davvero bella!

 

Ora è tempo di un secondo disco, che sarà particolare già dalla produzione: da cosa nasce l'idea finanziamento al tuo lavoro tramite un social network? sarà l'unico sostegno economico o hai altri sponsor?

Gli sponsor latitavano, siamo in un periodo di crisi, ma io sono dell'idea che non si debba mai mollare quando si crede in se stessi e si debba portare pazienza. E così è arrivata l'idea giusta. Se le case discografiche ormai puntano solo su nomi conosciuti, chi non lo è deve avere la forza delle idee. E il web ha questo potere per i musicisti sconosciuti o in crescita, di far conoscere le idee, se sono buone andranno avanti, altrimenti no. Alcuni mi hanno già commentato l'idea come innovativa e io la suggerirei a tutti i musicisti che vogliono produrre la loro musica.

“Seasons of life” [questo il titolo del nuovo disco N.d.R.] avrà la sponsorizzazione degli amici di Facebook  che hanno creduto davvero in me, e anche della catena alberghiera "Alpi e mare holidays" nella persona del Sig. Tino Catto, già sponsor del primo cd di piano solo, che ringrazio di cuore! Chi vuole informazioni sull'adesione può contattarmi su Fb o sul sito www.diegogenta.it. Basterà aderire all'iniziativa versando un contributo pari al costo del cd, che gli aderenti riceveranno in copia autografata appena pronto.

 

Pensi che questa forma di produzione "diffusa" sia una via - o forse l'unica via - per la musica e in generale per l'arte in un momento di crisi che non preannuncia nulla di buono, e visto anche l'esempio di successo di "Dark resurrection"?

Sino al 2000 internet in italia era poco diffuso, oggi è uno strumento che, se ben utilizzato, porta avanti le idee più nuove e più indipendenti. Il mondo discografico italiano non credo sia così, quindi ben venga il web.

 

Da quanto lavori a questo secondo disco?

Il primo brano che ho composto è del settembre 2009, subito dopo l'uscita del primo cd. Io però scrivo d'istinto lasciando passare a volte anche mesi da un brano all'altro. Il titolo del cd "Seasons of life" l'ho scelto pensando al fatto che i brani sono stati composti nelle diverse stagioni: l'autunno l'inverno la primavera e l'estate. Le stagioni però si accompagnano anche al nostro vissuto, alle stagioni della vita, e nel cd ci sarà un libretto interno che spiegherà meglio l'ispirazione di ogni brano. Dico solo che è molto autobiografico: alcuni brani si ispirano alla natura, ai suoi colori, altri descrivono emozioni vissute in questi 2 anni e mezzo. Su internet è già disponibile un'anteprima del cd dal titolo "Snowing".

 

Quando inizieranno le registrazioni?

Il cd verrà registrato all'Ithil World Studio di Imperia, molto probabilmente a inizio marzo, i 3 brani per piano e orchestra avranno la collaborazione artistica agli arrangiamenti di Corrado Trabuio. Trabuio è davvero un ottimo musicista Imperiese. L'orchestra permetterà ai brani di avere più respiro e ampiezza utilizzando tanti strumenti, mentre i brani di piano solo di questo secondo lavoro saranno più intimi.

 

Prossimi concerti e appuntamenti?

Sicuramente ci sarà una presentazione del CD. A breve le musiche di "Sentimental Journey" verrano utilizzate da Imperia TV in una trasmissione dedicata alla moda. Poi si vedrà, ci saranno sicuramente proposte.  Ci sono stati apprezzamenti per il primo CD anche da Riccardo Vitanza, un importante manager musicale nazionale, e un interessamento dell'Azienda Zonin per l'utilizzo di un brano. Ora sono concentrato sulla produzione di questo Cd a cui tengo molto.


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo