venerdì 1 marzo 2024
17.09.2012 - REDAZIONE

Sanremo: l'Idv sull'aumento dei buoni pasto scolastici

Per il movimento dell'Onorevole Di Pietro parla Maurizio Ferrara, contestando il costo posto dall'amministrazione comunale a quattro Euro. Comunicato Stampa.

Iniziano le scuole ed a Sanremo già è polemica tra l'Italia dei Valori e l'Amministrazione di centro- destra che regge le sorti del Comune matuziano. Motivo del contendere la politica scolastica portata avanti dall'Amministrazione comunale, duramente stigmatizzata dal Segretario cittadino del partito del " Gabbiano che vola", Maurizio Ferrara. Da lunedì, infatti, giorno d'inizio delle scuole a Sanremo come in tutta la Regione Liguria, il costo di un buono- pasto per un alunno delle Primarie ammonterà a ben quattro Euro. " L'aver portato il costo di ogni pasto in un solo anno da tre Euro e mezzo a quattro, oltre a rappresentare una politica suicida sotto il profilo meramente inflazionistico, è anche sintomo di una barbarie sociale.

L'Italia dei Valori prende comunque atto che l'Amministrazione di centro - destra, Pdl più Lega Nord, che governa Sanremo ha scientemente deciso di compiere questo atti di macelleria sociale piuttosto che andare a scalfire i privilegi goduti dai soliti noti" afferma Maurizio Ferrara, segretario cittadino del Partito di Di Pietro. Ferrara, poi, aggiunge che " un tale aumento in un momento di crisi economica profonda, con l'occupazione regolare che continua a diminuire, è non solo un atto demenziale ma pure qualcosa che urta il comune senso di giustizia.

A pagare e ad essere tartassati saranno sempre i più deboli, le famiglie a basso reddito, coloro che già faticano ad arrivare alla fine del mese. Noi come partito dell'Italia dei Valori siamo fortemente contrari a questa politica di cattivismo sociale ed anzi riteniamo che, come già avviene nella confinante Francia, debbano essere tutelate proprio le famiglie numerose che, invece, a casa nostra vengono, in questo modo, disincentivate a mettere al mondo delle creature".

La filippica di Ferrara contro l'attuale Amministrazione comunale però non si ferma qua." Ho appreso stamattina, aggiunge il politico sanremese, che nel momento in cui l'Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Sanremo Antonio Fera si apprestava  a dare il via alle gare per il miglioramento dell'edilizia scolastica cittadina per un importo complessivo di centocinquantamila Euro, è giunto improvviso lo stop alla spesa da parte del Ragioniere Capo del Comune, la dottoressa Elda Garino. Mi si dice, le fonti sono alcuni addetti del settore, che mesi addietro la stessa dottoressa Garino avesse, invece, paventato la possibilità di poter spendere quei centocinquantamila Euro senza problemi. Voglio sapere che cosa è successo nel frattempo ed il perché di questo diniego.

Chiedo, in parole povere, che sia fatta chiarezza in ordine alla circostanza considerato che per Venerdì prossimo, sempre comunque ad anno scolastico iniziato e, dunque, in clamoroso ritardo, l'Assessore Fera ha convocato i Dirigenti scolastici cittadini proprio per ragionare attorno ai problemi più urgenti legati all'edilizia scolastica. L'altr'anno presso le Scuole di Via Volta, risalenti al ventennio fascista,  si staccò un pezzo di cornicione. Grazie a Dio non ci furono vittime. Non vorrei che la deprecabile situazione si ripetesse ", conclude indignato Ferrara.


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo