venerdì 19 aprile 2019
10.02.2015 - Mauro Caldera

Una settimana di sole per il Festival...."niente da restaurare"

Le notizie dall'inviato a Sanremo Mauro Caldera per www.ponenteoggi.it e www.24orenews.it

Un festival della Restaurazione? “Nulla da restaurare nel rispetto di 64 anni di stili, ritmi e modi diversi di fare televisione”, sono le parole di esordio di Carlo Conti, capitano della grande nave sanremese.

1306 giornalisti accreditati con 110 siti internet contro gli 80 dell’anno scorso. Le testate sono 219, 269 le radio-tv e 84 gli inviati stranieri con 41 testate.

Ieri sera tutti gli artisti hanno inaugurato la 65ma edizione con il red carpet: ritornano i fiori per valorizzare la storia e l’eccellenza della riviera dei fiori. L’orchestra sinfonica di Sanremo farà vivere la musica del Festival. Ogni giorno verranno presentati fiori diversi: si parte con i tulipani.

Commenta il direttore di rete, Giancarlo Leone: “Fino ad oggi sono stati giorni di grande serenità, cosa che non succede spesso. Il clima positivo non ha vissuto perturbazioni politiche al contrario degli anni precedenti; si ricordino le grandi polemiche del 2012 con Celentano, quelle del 2013, anno in cui mancava poco alle elezioni politiche dove era temuto l’arrivo di Crozza. Per non parlare dell’anno scorso dove non mancarono le polemiche con la marcia di Grillo su Sanremo. Tre anni carichi di storia ma ora il clima è decisamente diverso. Qualche scandalo, però, fa bene al festival!

Una piccola polemica per Sanremo ci può stare: per quale motivo non è ancora stata posta la targa della canzone vincitrice del festival 2014 lungo la centralissima Via Matteotti? (Quella di Arisa con la canzone Controvento).
Il Festival non vivrà solo delle cinque prime serate ma proseguirà con un dopofestival rinnovato che è possibile seguire su www.sanremo.rai.it.

Il clima è dei migliori…di sole e di atmosfera” – commenta Carlo Conti. “30 prime serate fatte a Sanremo: mi sento a casa. Un meraviglioso carrozzone che si muove e riunisce le famiglie italiane che si divertono a cantare e commentare Sanremo, la scenografia, le luci e le gaffe dei conduttori. Un grande rispetto per quel grande palcoscenico e per gli artisti che si esibiscono. Le canzoni sono importanti e la musica è protagonista: canzoni belle, una bella scenografia e tre magnifici fiori: Emma, Arisa e Rocìo. 20 cantanti in gara e le 8 nuove proposte in testa, non più relegate in orari impossibili”. Il vincitore del Festival rappresenterà l’Italia all’Eurosong Contest.

Grandi ospiti previsti tra cui Tiziano Ferro, Albano e Romina, Biagio Antonacci, Gianna Nannini e la musica meravigliosa di Giovanni Allevi. Sono attesi anche gli Spandau Ballet e la vincitrice dell’Eurosong, Conchita Wurst. La comicità sanremese sarà firmata da Giorgio Panariello, Angelo Pintus, dai campioni del Cinema Luca e Paolo e Alessandro Siani.

La presenza fissa di Rocco Tanica darà l’appuntamento fisso per un’improbabile rassegna stampa.
Una canzone, quest’anno, compie il 50esimo anniversario: “Io che non vivo” di Pino Donaggio, che riceverà una targa ricordo simbolo di un grande grazie. Da Sanremo, poi,  partirà il tour europeo di Romeo e Giulietta.

I primi dieci artisti di questa prima serata: Annalisa, Malica Ayane, Alex Britti, Chiara, Dear Jack, Grazia di Michele con Mauro Coruzzi (Platinette), Laura Fabian, Gianluca Grignani, Nek e Nesli.


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo